Google analytics

Task Force COVID-19

Task Force - COVID-19

L’emergenza sanitaria da COVID-19 è stata accompagnata da una intensa produzione normativa che ha inciso su numerosi ambiti del diritto introducendo nel nostro ordinamento misure restrittive della libertà individuale, economica e d’impresa senza precedenti. La Task Force COVID-19 è al fianco di imprese e cittadini sin dai primi giorni dell’emergenza sanitaria per consigliarli nell’interpretazione dei provvedimenti delle autorità, per conoscere i nuovi limiti alle libertà individuali e d’impresa, per beneficiare delle misure di sostegno e rilancio dell’economia messe in campo dal legislatore.
La Task Force Covid-19 dello Studio Legale diretto dall’Avv. Andrea Sangermano ha predisposto vademecum multidisciplinari che permettono di navigare attraverso le principali tematiche che si trovano ad affrontare cittadini ed imprese approfondendo tra l’altro: la cybersecurity, lo smart working, la privacy, la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro ed i protocolli anticontagio, i rischi penali ed i profili di responsabilità amministrativa degli enti ex D.lgs. 231/2001, credito e finanza, fisco, bandi ed agevolazioni, adempimenti e scadenze, diritto societario e fallimentare, il diritto immobiliare ed  in generale i rimedi applicabili ai contratti in essere.

Visita la pagina dedicata alle Newsletter o contattaci per conoscere la consulenza personalizzata che possiamo offrire scrivendo all’indirizzo covid19@asangermano.eu.

 

Policy per meeting presso lo Studio Legale

Lo Studio Legale diretto dall’Avvocato Andrea Sangermano ha adottato un Protocollo di Salute e Sicurezza (PSS) che contiene tutti gli accorgimenti necessari per contrastare la diffusione del COVID-19 con l’obiettivo di  rendere lo Studio Legale un luogo sicuro per tutti coloro che vi accedano per qualsivoglia ragione.
E’ fatto divieto di accesso ai locali dello Studio Legale:

  • in presenza di febbre (oltre 37.5°), tosse o altri sintomi influenzali per i quali viene disposto l’obbligo di rimanere al proprio domicilio e di chiamare il proprio medico di famiglia e l’autorità sanitaria. In caso di dubbio presso la reception è disponibile un termometro che permette di verificare autonomamente la temperatura corporea;
  • soggiorno, nei 14 giorni precedenti la visita in Azienda, nella Repubblica Popolare Cinese od in altri “Paesi a rischio” nei quali sono notoriamente in diffusione malattie legate al COVID-19 (cd. “Coronavirus”) secondo le indicazioni dell’OMS o del Ministero della Salute (www.viaggiaresicuri.it);
    per quanto a conoscenza, l’avvenuto contatto con persone risultate positive ai test per affezione da “Coronavirus” o che si ritengono comunque rientranti in una delle casistiche sopra evidenziate e non si sono valutate eventuali misure di precauzione con l’autorità sanitaria competente o con il medico di base.

Si precisa che in base alla circolare del Ministero della Salute 27/02/2020 n.6369 costituisce “contatto stretto” ad alto rischio di esposizione una persona che:

  • vive nella stessa casa di un caso di COVID-19;
  • una persona che ha avuto un contatto fisico diretto con un caso di COVID-19 (per esempio la stretta di mano);
  • una persona che ha avuto un contatto diretto non protetto con le secrezioni di un caso di COVID-19 (ad esempio toccare a mani nude fazzoletti di carta usati);
  • una persona che ha avuto un contatto diretto (faccia a faccia) con un caso di COVID-19, a distanza minore di 2 metri e di durata maggiore a 15 minuti;
  • una persona che si è trovata in un ambiente chiuso (ad esempio aula, sala riunioni, sala d’attesa dell’ospedale) con un caso di COVID-19 per almeno 15 minuti, a distanza minore di 2 metri;
  • un operatore sanitario od altra persona che fornisce assistenza diretta ad un caso di COVID- 19 oppure personale di laboratorio addetto alla manipolazione di campioni di un caso di COVID-19 senza l’impiego dei DPI raccomandati o mediante l’utilizzo di DPI non idonei;
  • una persona che abbia viaggiato seduta in aereo nei due posti adiacenti, in qualsiasi direzione, di un caso di COVID-19, i compagni di viaggio o le persone addette all’assistenza e i membri dell’equipaggio addetti alla sezione dell’aereo dove il caso indice era seduto (qualora il caso indice abbia una sintomatologia grave od abbia effettuato spostamenti all’interno dell’aereo, determinando una maggiore esposizione dei passeggeri, considerare come contatti stretti tutti i passeggeri seduti nella stessa sezione dell’aereo o in tutto l’aereo).

Si raccomanda ai ns. Clienti di utilizzare i mezzi di comunicazione a distanza messi a disposizione dalla tecnologia (posta elettronica, telefono, fax, internet, ecc.) al fine di limitare il più possibile accessi e la presenza di persona presso la nostra sede.  Laddove le stesse fossero connotate dal carattere della necessità e urgenza, nell’impossibilità di collegamento a distanza, concorderemo preventivamente modalità che riducano al minimo la partecipazione necessaria e, comunque, saranno garantiti il distanziamento interpersonale di almeno un metro e un’adeguata pulizia/areazione dei locali e comunque l’utilizzo di mascherine chirurgiche.
INFORMAZIONI SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

Il titolare del trattamento, Studio Legale dell’Avv. Andrea Sangermano con sede in Parma (PR), Strada della Repubblica, 41, P.IVA 02752050340 41 Tel. +39 0521 1626135 – fax +39 0521.1622146 email info@asangermano.eu – PEC andrea.sangermano@pec.it (di seguito “Studio Legale”), ai sensi dell’art.13 del Reg. EU 679/2016, informa i visitatori che in aggiunta a quanto indicato nell’informativa disponibile nel sito internet, i loro dati personali saranno trattati per finalità di prevenzione dal contagio da COVID-19 ai sensi dell’art. art. 1, n. 7, lett. d) del DPCM 11 marzo 2020, per la tutela della salute sui luoghi di lavoro e per collaborare con le Autorità.

Saranno raccolti i seguenti dati: 1. temperatura corporea rilevata in tempo reale, senza registrazione o conservazione, salvo l’ipotesi di cui al seguente n. 2; 2.Dati identificativi e registrazione del superamento della soglia di temperatura solo qualora sia necessario a documentare le ragioni che hanno impedito l’accesso ai locali dello Studio Legale o la permanenza negli stessi; nonché, in tale caso, la registrazione dati relativi all’isolamento temporaneo, quali l’orario di uscita e le circostanze riferite dall’interessato a giustificazione dall’uscita dall’isolamento temporaneo; 3.situazioni di pericolo di contagio da Covid-19, compresi dati relativi allo stato di salute, quali, a titolo esemplificativo, la temperatura corporea/sintomi influenzali; provenienza/non provenienza dalle zone a rischio epidemiologico; presenza/assenza di contatti, negli ultimi 14 giorni, con soggetti risultati positivi al COVID-19. Nel caso di rifiuto del rilevamento della temperatura o di fornitura dei dati è vietato l’accesso ai locali aziendali e la permanenza negli stessi.

I dati non saranno diffusi o comunicati a terzi al di fuori delle specifiche previsioni normative o per ordine dell’autorità (es. in caso di richiesta da parte dell’Autorità sanitaria per la ricostruzione della filiera degli eventuali “contatti stretti di un lavoratore risultato positivo al COVID-19) e saranno conservati per quattordici giorni, fatta salva la possibilità di conservazione per l’esercizio dei diritti del titolare, per obblighi normativi o per espressa richiesta dell’interessato.

Per tutti gli altri aspetti qui non espressamente esaminati, ivi incluse le modalità di esercizio dei diritti degli interessati, si rinvia all’informativa estesa affissa nei locali aziendali e disponibile sul sito internet Privacy e cookie Policy.

Ci riserviamo di modificare le istruzioni di cui sopra in funzione dell’evolversi della situazione.

Aggiornata al 28 agosto 2020